Sono contrario alle emozioni – Diego de Silva

Ed eccomi di nuovo qui a parlare del caro avvocato Malinconico, alle prese con i suoi dubbi, le perplessità sulla vita, con il suo senso dell’umorismo e la sua disamina pungente degli stati umani. Lo so, sto diventando monotona ed evidentemente di parte, ma non ho potuto fare a meno di comprarlo, leggerlo e scriverne. Soprattutto perché, con mia grande sorpresa, ho trovato un testo diverso dai due precedenti, meno narrativo e in questo caso più introspettivo.

Adesso De Silva ci mostra un uomo fragile in piena crisi di mezza età, che paga uno psicologo per aiutarlo a superarla, al quale, però, per partito preso, non intende raccontare la verità sulle sue emozioni e con il quale preferisce perdersi in estenuanti schermaglie verbali. Intendiamoci, la vita di Malinconico (ne parlo ormai come fosse una persona reale che conosco da tempo, il che è preoccupante…) non ha mai avuto una direzione precisa, così come il suo flusso di pensieri. Continua a leggere “Sono contrario alle emozioni – Diego de Silva”

Mia suocera beve – Diego de Silva

miasuocerabeve300Eccomi di nuovo qui a parlarvi del mio caro Malinconico. Ebbene sì, non ho potuto fare a meno di tuffarmi nella lettura di quello che, in senso cronologico, avrebbe dovuto essere il seguito di ‘Non avevo capito niente’. Con mia grande sorpresa ho trovato un libro completamente diverso dal primo, almeno nell’impostazione della storia. Punto fermo è ancora l’irresistibile Vincenzo, figura intatta nelle sue qualità contraddittorie, che viene però collocato in una vicenda che rasenta quasi l’assurdo.
Il titolo Mia suocera beve è decisamente fuorviante e si riferisce ad un episodio marginale che viene appena sfiorato nel romanzo. La vicenda si apre (e si svolge prevalentemente) tra gli scaffali di un supermercato in cui il nostro strampalato avvocato sta gironzolando alla ricerca di un sugo pronto. Dopo qualche minuto si ritrova faccia a faccia con l’ingegner Romolo Sesti Orfeo, un tecnico dei sistemi di sicurezza di telecamere a circuito chiuso dello stesso esercizio commerciale, che lo avvicina in modo apparentemente casuale. Continua a leggere “Mia suocera beve – Diego de Silva”

Non avevo capito niente – Diego De Silva

Vi siete mai lasciati trasportare così tanto dalle vicende di un personaggio da sperare che fosse in carne ed ossa? Bene, a me è successo: sono letteralmente stata rapita dal protagonista di questo libro! L’assurdo è non perché abbia delle doti da superuomo, ma, al contrario, perché è incerto, imbranato, autoironico. Se poi ci aggiungete il modo in cui l’autore lo fa parlare, con una fluidità e ricercatezza di linguaggio in certi passaggi davvero invidiabile, alternata ad espressioni colloquiali e uno spiccato senso dell’umorismo, il gioco è fatto!

Il protagonista, Vincenzo Malinconico, cognome scelto ad hoc proprio per accentuarne l’ironia, è un avvocato napoletano sulla quarantina, ancora belloccio con una ex moglie psicologa dalla quale non riesce ad emanciparsi e con due figli, di cui una acquisita. Continua a leggere “Non avevo capito niente – Diego De Silva”