Il Diritto di Contare

Quanti di voi sapevano che negli anni 60 venivano impiegate delle donne e per di più di colore, negli uffici della NASA? E quanti di voi sapevano che tre di loro hanno fatto la storia, raggiungendo obbiettivi inimmaginabili e aprendo quella strada da sempre a loro preclusa?
Il film è basato sul libro di Margot Lee Shetterly – Hidden Figures: The Story of the African-American Women Who Helped Win the Space Race – che racconta la storia di Katherine Johnson, nata col pallino dei numeri, di Mary Jackson, dotata di grande acume, intelligenza e forza di volontà e di Dorothy Vaughn che ha dalla sua la grande passione per le macchine e il loro funzionamento, e del loro preziosissimo contributo apportato al primo volo intorno alla Terra e alla corsa allo spazio.
Il tutto in un’ epoca dove le donne contavano poco e se erano di colore ancora meno. Continua a leggere “Il Diritto di Contare”

The Words – Lee Sternthal & Brian Klugman

Tutti facciamo delle scelte nella vita: il difficile è conviverci.

Come una matriosca, questo film narra di una storia, che nasconde un’altra storia, che ne cela un’altra, tutte avviluppate intorno alla figura dello scrittore e al mondo dell’editoria. Ma pur di essere pubblicati quanto si è disposti a perdere di se stessi ?

Rory Jansen (Bradley Cooper) è un aspirante scrittore che non riesce a far pubblicare i suoi lavori perché mediocri. Convive con Dora (Zoe Saldana) in un piccolo appartamento a New York, si mantiene lavorando come impiegato e chiedendo prestiti al padre. È frustrato ed avvilito, e proprio quando è sul punto di abbandonare i suoi sogni trova un manoscritto anonimo, nascosto in una tasca di una vecchia borsa di pelle acquistata in un negozio di antiquariato a Parigi. Continua a leggere “The Words – Lee Sternthal & Brian Klugman”

Quiz Show – Robert Redford

Quest’anno cade il ventesimo anniversario dall’uscita di quello che può essere considerato uno dei migliori film di Robert Redford alla regia: Quiz Show. Il fim infatti è uscito nelle sale statunitensi  il 14 settembre 1994.

La pellicola racconta di uno scandalo che nel 1958 scosse gli Stati Uniti d’America generando un’ondata di sdegno nazionale e segnando in modo indelebile la percezione degli Americani nei confronti della TV, che fino a quel momento era ingenuamente percepita come  lo specchio del sogno americano. È fondamentale contestualizzare l’accaduto per comprenderne davvero la portata. Gli anni ’50 negli Stati Uniti sono carettarizzati dalla guerra fredda, da una società conservativa e moralista e dal boom del consumismo.
Continua a leggere “Quiz Show – Robert Redford”

Coriolanus – National Theatre Live

Like a dull actor now,I have forgot my part, and I am out,Even to a full disgrace. 

Vi è mai capitato di guardare il teatro in Tv? Faticoso vero ? Bisogna essere degli appassionati e degli  intenditori, perché manca tutto, l’atmosfera, il pathos, l’emozione, la presenza.

Perciò quando ho letto che la Nexo Digital avrebbe distribuito, in cinema selezionati e solo per una sera, i più grandi spettacoli dei palcoscenici Londinesi anche qui in Italia, ero al contempo entusiasta e scettica. Entusiasta perché diffondere la cultura in questo modo è ottimo, scettica perché manca il palcoscenico, appunto.

Però qui parliamo di Shakespeare, il mio adorato Shakespeare, e per di più in inglese (tranquilli, sottotitolato). Dulcis in fundo si tratta di Coriolanus, opera che ho riletto proprio qualche mese fa. E in più il protagonista è Tom Hiddleston (attore britannico che, insieme a Christian Bale, sta diventando velocemente uno dei miei preferiti per il suo grande talento e per il percorso inusuale che ha scelto di intraprendere per la sua carriera di attore) .
Tutto mi diceva di andarci, e così ho fatto.

Continua a leggere “Coriolanus – National Theatre Live”

The Deep Blue Sea – Terence Davies

“Beware of passion, it always leads to something ugly”.

Uno dei tanti casi di film non distribuiti nel nostro Paese. A volte vengono comunque proposti in formato home video, a volte, come in questo caso, nemmeno. Pertanto solo chi come me non ha problemi con le “barriere” linguistiche può godersi certe pellicole, e non lo trovo affatto giusto.

Perché recensirlo se molto probabilmente ben pochi lo avranno visto ? Perché mi è piaciuto. E perché è un modo per esprimere il mio disappunto sulla distribuzione cinematografica in Italia.

Il film è tratto dall’omonima pièce teatrale di Terence Rattigan, già portata sullo schermo nel 1955 da Vivien Leigh, ed ha un’atmosfera d’altri tempi. Non è solo ambientato nella Londra post bellica degli anni ’50, sembra davvero filmato in quegli anni. Il ché implica un girato dai ritmi piuttosto lenti, una grandissima attenzione ai dialoghi e alle inquadrature, e una colonna sonora a tratti volutamente invadente.

Continua a leggere “The Deep Blue Sea – Terence Davies”

Moulin Rouge – Baz Lurhmann

Sono andata a vedere questo film al cinema sulla scia dell’entusiasmo che mi aveva lasciato “Giulietta + Romeo”, diretto appunto da Lurhmann qualche anno prima e che mi era davvero piaciuto. La trasposizione moderna e a tratti kitch della tragedia dei due amanti di Shakespeare mi aveva fatto ben sperare. E invece… Nel buio della sala, mi si parano davanti personaggi vestiti e truccati in maniera grottesca che stridono con le coloratissime ballerine del Moulin Rouge, impegnate in quel momento in un caoticissimo can-can sulle note di ‘Lady Marmalade’. All’improvviso cala il silenzio e arriva lei: il ‘diamante splendente’, perfetta e bellissima nel suo costume luccicante, volteggia su un’altalena sospesa a due metri da terra. Stupenda come solo lei sa essere, era entrata in scena Nicole Kidman. Continua a leggere “Moulin Rouge – Baz Lurhmann”

Dal Libro al Film: The Help vs. The Help

Dolce e morbida come una sofficissima torta al cioccolato, ma anche amara e scura come il cioccolato fondente stesso al centro della torta: questo è “The Help”.

Il primo romanzo di Kathryn Stockett, ambientato nel sud degli Stati Uniti nel 1962, narra di amicizia, di passione, di voglia di riscatto e di altruismo, ma narra anche di cattiveria, di inciviltà e di ignoranza.

Il nocciolo del racconto è rappresentato dalla famosissima torta di Minny Jackson, domestica nera nota per la sua arte culinaria, e della “grande porcata” architettata ai danni della sua padrona, Miss Hilly “due fette”. Continua a leggere “Dal Libro al Film: The Help vs. The Help”

In Time – Andrew Niccol

Pensate ad un mondo dove, una volta isolato il gene dell’invecchiamento, questo viene reso inattivo dopo i 25 anni. Potenzialmente tutti sono immortali. Ma un mondo sovrappopolato avrebbe vita breve, così il tempo è diventato moneta, la vita si paga in minuti, ore, mesi… e quindi solo i ricchi possono vivere per sempre. Gli altri consumano il loro tempo per pagare le bollette.

Ma l’immortalità è perfetta come la si pensa? Oppure ti consuma ?

Henry Hamilton, un miliardario centenario con il visino e le fattezze di Matt Bomer 😉 non ne può più, e allora decide di andare nel ghetto, dove ci sono quelli che per un solo minuto in più di vita ti fanno fuori senza pensarci. Ma sfiga vuole che nel bar dove ha deciso di andare per attirare l’attenzione dei più disperati c’è Will Salas, alias Justin Timberlake, che è sì un disperato senza tempo, ma è anche uno onesto. Continua a leggere “In Time – Andrew Niccol”