La tentazione di essere felici – Lorenzo Marone

Va bene. Lo confesso : un libro con un titolo così lo avrei comprato a prescindere. Il binomio tentazione/ felicità per me è irresistibile. Primo perché ritengo che nella vita si debba sempre puntare in alto, quindi al bando serenità ed affini. Puntiamo direttamente sulla felicità. E poi perché è vero che spesso per essere felici bisogna cadere in tentazione. Che sia una felicità che dura un attimo o tutta la vita, che si debba commettere un peccato veniale od uno mortale….si cammina su un crinale molto sottile e solo gli equilibristi arriveranno sani e salvi alla meta.
Maestro di questa arte circense è Cesare Annunziata, il protagonista del romanzo di Marone. Un settantottenne napoletano che tutti i giorni combatte per essere felice. Non è sicuramente un vecchietto gentile e pieno di buoni sentimenti. Ha tradito abbondantemente la moglie ora defunta e vissuto sempre all’insegna di un sano, e a volte insano, egoismo. Continua a leggere “La tentazione di essere felici – Lorenzo Marone”

Cenere – Yrsa Sigurdardottir

Questo romanzo ha molte carte vincenti.
Intanto parte da una vicenda realmente avvenuta, l’eruzione vulcanica del 22 gennaio 1973 sull’isola di Heimaey, in Islanda.
L’autrice, pur facendo parte della nutrita schiera di giallisti dei paesi nordici, non infonde quel pessimismo cosmico che spesso caratterizza i suoi colleghi e che mi costringe ad accostarmi ai loro libri con molta moderazione.
L’intreccio giallo è particolarmente ben costruito, il susseguirsi degli avvenimenti risulta realmente avvincente ed il finale assolutamente non scontato.
Ho anche trovato affascinante scoprire come scorra la vita in un contesto così particolare come quello delle piccole isole dell’Islanda, dove le comunità sono ristrette e le regole sono differenti da quelle convenzionali. Continua a leggere “Cenere – Yrsa Sigurdardottir”

La storia di un matrimonio – Andrew Sean Greer

Ho visto le foto di Andrew Sean Greer solo dopo aver ultimato la lettura del suo romanzo e sono rimasta stupefatta perché la protagonista del libro è una donna di colore che narra in prima persona le vicende che scuotono la propria vita e in genere l’America degli anni successivi alla seconda guerra mondiale. Ed è così credibile questa giovane moglie e madre, così pienamente integrata nel periodo storico, che mi aspettavo un autore adeguato per età.

Invece si tratta di un ometto niente male, viso interessante e pure atletico, nato nel 1970. Ed è un caso curioso perché anche il romanzo successivo, che mi riprometto di leggere, ha come protagonista una donna ed è ambientato in tre epoche diverse. Continua a leggere “La storia di un matrimonio – Andrew Sean Greer”

Serie TV: Nurse Jackie, terapia d’urto

Da vari anni sono appassionata di serie televisive, tanto che oramai la mia soglia di attenzione è tarata sulla durata media di un episodio e, lo confesso, ho difficoltà a seguire per intero un film.
Qualche tempo fa, durante una cena, si chiacchierava con amici proprio di questo argomento. Quando ho citato Nurse Jackie come una delle mie serie preferite, mi sono resa conto che tutti gli altri non l’avevano neppure sentita nominare. Sul momento mi sono chiesta se fossi strana io, o lo fossero gli altri. Poi, considerando che la risposta a questa domanda mi è tristemente nota, ho pensato di cercare di incuriosire almeno qualcuno di voi , sperando di arruolarlo alla causa di questa serie. Continua a leggere “Serie TV: Nurse Jackie, terapia d’urto”

In fondo al tuo cuore, inferno per il commissario Ricciardi – Maurizio de Giovanni

Contrariamente a quello che il titolo potrebbe far pensare, nel romanzo di de Giovanni non c’è nulla di torbido o particolarmente efferato. Si tratta anzi di un giallo che si legge molto piacevolmente, ambientato nella Napoli degli anni trenta, in cui l’amore è il fulcro della vicenda narrata. L’amore declinato in ogni sua espressione, come passione viscerale, ma anche come sentimento puro ed assoluto.
Ed è con mano delicatissima che l’autore tratta di questo, tanto che non solo la vicenda è ambientata negli anni trenta, ma anche la scrittura è perfettamente calata nel contesto. A me ha ricordato certi romanzi di Augusto De Angelis per lo stesso sapore antico nell’accostarsi ai sentimenti, con un pudore che raramente ho ritrovato. Qui la differenza la fa la città, con le sue mille meravigliose contraddizioni, viva e vivace come non mai. Del resto de Giovanni non solo non nasconde l’amore viscerale per Napoli, ma anzi riesce a far percepire i profumi ed i colori come se si fosse immersi nella calura estiva. Continua a leggere “In fondo al tuo cuore, inferno per il commissario Ricciardi – Maurizio de Giovanni”

Esche vive – Fabio Genovesi

Come tutti gli appassionati di libri, nonostante tutti gli stratagemmi messi in atto nel corso degli anni, ho subito parecchie delusioni dovute ad autori noiosi, trame assurde, storie inconsistenti, personaggi insulsi.
Ma a volte si è fortunati. E si incontra casualmente un libro che ci incanta. A me è capitato con questo romanzo di Fabio Genovesi.
Anche se non è semplice spiegare l’alchimia che si crea tra un libro ed il lettore, credo che in questo caso l ‘ingrediente segreto sia la leggerezza con cui l’autore tratta la materia di cui scrive.  Che è semplicemente la vita, con le sue felicità inattese e le sue aspettative deluse, i suoi dolori e le sue rivincite. Senza volerci insegnare nulla l’autore ci regala un testo che ha diverse chiavi di lettura. Si può leggere come un divertente romanzo di formazione o come una metafora dei valori e dei sentimenti che si devono mettere a disposizione per affrontare l’esistenza. In ogni caso si tratta di una lettura piacevolissima, dove più che sorridere spesso si ride di cuore. Continua a leggere “Esche vive – Fabio Genovesi”

Villetta con piscina – Herman Koch

Questo è uno strano romanzo. L’ho letto qualche mese fa e mi è piaciuto molto ma non riuscivo a capirne il perché, così ho preferito rimandare il giudizio ad una seconda lettura, magari in un periodo di maggiore lucidità mentale (magari!).
Stanca di aspettare invano questo momento di grazia, nel week-end ho riletto il libro che mi piaciuto ancora ma mi ha altrettanto infastidito.
Koch scrive molto bene, con una scrittura non alta ma scorrevole e piacevole che non annoia mai. Inoltre sa parlare di rapporti personali in modo credibile e tenere viva l’attenzione e la tensione nel lettore senza espedienti di bassa levatura. I personaggi sono interessanti e con una personalità ben identificata. Ma è un po’ questo il problema, almeno per me che cerco sempre una affinità con quello che leggo. Con queste persone ci si potrebbe identificare, e non è certamente una idea piacevole. Continua a leggere “Villetta con piscina – Herman Koch”

La costola di Adamo – Antonio Manzini

Avevo proprio voglia di leggere un libro così : coinvolgente ed appassionante pur nella sua -sana- leggerezza. E soprattutto avevo voglia di incontrare di nuovo lui, Rocco Schiavone. Un uomo intelligente, cinico, con una morale molto personale e completamente inaffidabile sul piano amoroso : insomma praticamente perfetto. In realtà in questo nuovo romanzo la personalità del protagonista si arricchisce di nuove sfumature che rendono più comprensibili i lati ruvidi del suo carattere e lo riqualificano come essere umano.

Siamo sempre ad Aosta dove il vicequestore Schiavone suo malgrado è stato trasferito dopo le disavventure romane. Mentre lotta invano contro il clima nevoso e ventoso che imperversa a marzo in città, si imbatte in quello che in un primo tempo appare come il suicidio di una giovane donna. È infatti proprio Rocco a scoprire il corpo appeso nello studio, dopo essersi recato sul posto pensando di doversi solo occupare del furto che è avvenuto in casa. Continua a leggere “La costola di Adamo – Antonio Manzini”

La vita davanti a sé – Romain Gary

Ci sono testi che hanno bisogno di tempo per essere metabolizzati. In questo caso credo che me ne servirà molto perché leggere ” la vita davanti a sé” è come essere investiti da un fiume in piena di emozioni. Quando si chiude il libro si rimane senza fiato, aspettando che il groviglio di sentimenti che ha suscitato salga pian piano in superficie. E non poteva essere altrimenti quando si pensa alla vita avventurosa condotta dall’autore che ha cercato e vissuto mille esperienze, poi culminata con un suicidio preparato con cura meticolosa e una vena istrionica.
Cinque anni prima della morte aveva pubblicato sotto falso nome questo libro che gli era valso il prestigioso premio Goncourt e di cui non si era mai preoccupato di rivendicare la paternità .

“La vita davanti a sé” è ambientato a Parigi, o meglio in quella Belleville che ritroveremo così spesso nei romanzi di Pennac. Una realtà di periferia, multietnica e multirazziale, densa di calore umano, in cui tutti si arrabattano per sopravvivere. Continua a leggere “La vita davanti a sé – Romain Gary”

L’eroe discreto – Mario Vargas Llosa

A volte leggere un romanzo è come riconoscere una parte di noi stessi, del nostro vissuto. Altre volte è come fare un viaggio meraviglioso in una realtà che non ci appartiene e che, forse proprio per questo, ci sorprende e ci coinvolge in modo inaspettato. Con questo libro la meta di questo viaggio è il Perù, un paese moderno ed antico allo stesso tempo, pieno di contraddizioni e di fascino. Ma il contrasto più forte viene dalla contrapposizione tra il contesto assolutamente contemporaneo in cui si svolge la trama e il profondo senso etico dei protagonisti che li rende personaggi dal sapore antico. Felicito e Rigoberto, i due protagonisti, vivono in città diverse e sono differenti per estrazione sociale ed interessi. Solo per puro caso – un caso magistralmente concepito dall’autore- le loro vicende si intrecceranno verso la fine del romanzo in una circostanza che evidenzierà le qualità morali che li accomunano. Continua a leggere “L’eroe discreto – Mario Vargas Llosa”

L’isola dei cacciatori di uccelli – Peter May

Anche quest’anno a settembre sono andata a Mantova per assistere al Festival della Letteratura e proprio in quell’occasione ho avuto modo di conoscere Peter May, l’autore di questo libro. Al successo di questo incontro ha contribuito sicuramente la presenza di Marco Malvaldi, sempre di una simpatia e di una leggerezza pari a quella dei suoi gialli. Del resto negli incontri con autori stranieri, in cui è richiesta una traduzione, è necessario che chi introduce lo scrittore sia brillante altrimenti il tutto diventa macchinoso ed un po’ noioso.
Quello che più mi ha colpito nel racconto che Peter May faceva di questo libro e che mi ha spinto a leggerlo è stato non tanto l’intreccio, quanto l’ambientazione, che ho trovato affascinante e singolare. Continua a leggere “L’isola dei cacciatori di uccelli – Peter May”

Il segreto di Angela – Francesco Recami

Forse conoscete già Recami. Io l’ho incontrato con “la casa di ringhiera” e mi ha subito conquistata con la sua ironia – ed io all’ironia non resisto – a volte graffiante ed a volte sorniona. E poi con l’ originalità di scegliere dei protagonisti non convenzionali sia per indole che per età.

Ne ” Il segreto di Angela ” ritroviamo gli stessi personaggi che abitano la casa di ringhiera milanese : l’Amedeo Consonni , tappezziere in pensione, appassionato di delitti e investigatore quasi per caso. Il Luis, al secolo Luigi De Angelis, 83 ed una passione sfrenata per le automobili veloci (orgoglioso proprietario di una BMW roadster argentata). Infine la protagonista assoluta di questo romanzo cioè Angela Mattioli, ex professoressa di lettere al liceo, con passato un po’ misterioso che da sempre suscita la curiosità del vicinato. Continua a leggere “Il segreto di Angela – Francesco Recami”

Io che amo solo te – Luca Bianchini

Ecco un libro perfetto da portare in vacanza, anche se per un solo weekend, purché andiate al mare. Amanti della montagna astenetevi perché non ve lo godreste appieno. Il complemento ideale per la lettura di questo romanzo è il relax totale, accompagnato dallo sciabordio del mare nonché, (ma è un optional), da una leggera brezza.

Intanto la storia è ambientata in Puglia, più precisamente a Polignano a Mare. Come dire in un luogo incantato, dove la natura, la luce, i colori sono così prepotenti che tolgono il fiato. Ed è la storia del matrimonio, dalla vigilia al giorno successivo all’evento, di Chiara e Damiano. Ma tra preparativi, addio al celibato pensamenti e …ripensamenti si dipana anche la storia tra Ninella, la mamma di Chiara, e don Mimi’, il padre dello sposo, che ebbero da giovani una storia d’amore passionale ma finita tragicamente. Proprio per questo motivo, benché entrambi poi abbiano continuato la loro vita senza più neppure parlarsi, tutti gli occhi del paese ora sono puntati su di loro. Anche perché questo sarà il matrimonio dell’anno, i preparativi durano da più di due anni e la famiglia di don Mimi’ e’ una di quelle che contano in paese. Continua a leggere “Io che amo solo te – Luca Bianchini”