Alessandro D’Avenia – Ciò che inferno non è

In ogni nuovo romanzo D’Avenia sembra spingersi sempre oltre i confini dei libri precedenti, arricchendo le sue trame, le sue riflessioni, la sua prosa. In Ciò che inferno non è il modo per raggiungere una nuova profondità è rappresentato da un nome, motore del romanzo, quello di padre Pino Puglisi – 3P per i suoi alunni -, che fu professore di religione dell’autore proprio negli anni in cui si scontrò con la mafia. Mi piace pensare al nome di don Pino scritto su un foglio bianco, e al romanzo che da questo si costruisce spontaneamente, come le onde di un terremoto si propagano dal loro epicentro. Un terremoto d’amore, che non poteva essere raccontato meglio in queste pagine: non una biografia, ma una storia che intreccia le vite di tanti abitanti di Palermo – e arriva a coinvolgere anche noi. Continua a leggere “Alessandro D’Avenia – Ciò che inferno non è”

Se ti abbraccio non aver paura – Fulvio Ervas

Questa non è una storia di fantasia, inventata dall’autore partendo da chissà quale idea sull’autismo. È un episodio di vita reale – o meglio, un pezzo intero di esistenza – che premeva per essere raccontato, che voleva essere stampato a lettere scure per dimostrare non per luoghi comuni, non in modo patetico, di come si possa combattere contro la malattia di un figlio, e a volte anche vincere.

Franco è il padre di Andrea, e il libro non ci dà altre qualifiche per presentarlo: Franco è padre. Andrea invece è un ragazzo autistico di diciassette anni, dal sorriso enorme, che indossa magliette con la stampa “se ti abbraccio non aver paura” perché tocca la pancia a tutti riempendoli di baci – meglio avvertirci, magari qualcuno si spaventa; e qualcun altro può invece andare alla ricerca di questo affetto. Dopo anni di cure tradizionali e all’avanguardia, di continui schemi e programmi, Franco decide di offrire una nuova cura ad Andrea: la possibilità di sentirsi libero in un viaggio non pianificato in America, senza mete, due biglietti di sola andata. “America bella”, e così si parte.
Continua a leggere “Se ti abbraccio non aver paura – Fulvio Ervas”

Dal Libro al Film: Il Grande Gatsby vs. Il Grande Gatsby

Che il romanzo di Francis Scott Fitzgerald sia romantico, commovente, nostalgico e frizzante è un’opinione che si riafferma in ogni generazione di lettori. Anche io, che l’America degli anni Venti l’ho conosciuta solo sui manuali di storia, non ho potuto fare a meno di restare affascinata dalla frenetica ambizione di Nick e di Gatsby, un’ambizione che nasconde però tante sfaccettature, luci ed ombre.

Nick Carraway è un giovane ragazzo che per arricchirsi si trasferisce nella zona di Long Island detta West Egg, a New York, per lavorare in borsa. Fin dalle prime pagine del romanzo risuona circondato da un alone di mistero e di splendore il nome di Jay Gatsby, la cui figura si delinea gradualmente, così come gradualmente lo conosce Nick: Gatsby è infatti il suo vicino di casa, proprietario di un palazzo luminoso, in cui si riversa ogni notte tutta New York per feste pompose, colorate, al ritmo di una musica che si diffonde in tutta la baia. Ma di Gatsby mai una traccia. “Come avrà fatto ad arricchirsi così tanto?”, “Si dice abbia sconfitto da solo un esercito in Europa!”, “Ha davvero ucciso un uomo?” Continua a leggere “Dal Libro al Film: Il Grande Gatsby vs. Il Grande Gatsby”

E l’eco rispose – Khaled Hosseini

Parlare di questo romanzo mi permette di capirlo meglio, di reimmergermi nel mondo narrato e di interrogarne i personaggi: non è un’operazione che farei per qualsiasi libro, ma sento che ho bisogno di rimettere insieme pensieri e sensazioni per poter dire di aver davvero finito di leggerlo. Prendo spunto dalla storia raccontata nel primo capitolo, una narrazione proveniente dal mondo afghano, per tentare di spiegare l’intero romanzo – e sono sicura che fosse proprio questo il ruolo che voleva attribuirle Hosseini, ponendola in quella posizione. Baba Ayub vive in un villaggio poverissimo con lo moglie e i suoi cinque figli, tra i quali ama in particolare l’ultimo, il piccolo Qais. Baba Ayub è felice, nonostante la fatica e i sacrifici, fino alla terribile notte in cui div, un gigante, bussa alla sua porta: Baba Ayub avrà tempo fino all’alba per decidere quale bambino consegnare al gigante, e in caso contrario, verranno rapiti tutti i suoi cinque figli. Tagliare un dito per salvare la mano? Baba Ayub consegna con dolore il suo piccolo Qais, che viene portato via per sempre dal gigante. Continua a leggere “E l’eco rispose – Khaled Hosseini”

The Wolf of Wall Street – Martin Scorsese

Iniziamo con dei fatti: 5 candidature al premio Oscar, tra cui Miglior film, Miglior regista e Miglior attore protagonista. Leonardo di Caprio – lasciatemelo dire, più sexy che mai – vi ha riposto in questi ultimi anni tutte le fatiche, le speranze, e anche un sacco di soldi. Tantissime attese per questo film da 180 minuti, anche più lungo di Forrest Gump e Prova a prendermi, per citare dei titoli. Insomma, The wolf of wall street sembra avere molte caratteristiche che fanno da preludio a una certa epicità, a una pellicola d’impatto che vuole misurarsi con gli altri grandi colossal hollywoodiani.

Ma veniamo alla trama: il film si ispira alla biografia di Jordan Belfort, broker di Wall Street che negli anni ’80 ha truffato i più ricchi di New York costruendo un impero alle cui dipendenze c’erano centinaia di giovani da lui addestrati, decine di escort e non so quanti grammi di cocaina. Continua a leggere “The Wolf of Wall Street – Martin Scorsese”

Cose che nessuno sa – Alessandro D’Avenia

Pochi romanzi sono stati in grado di coinvolgermi come quelli di D’Avenia, mi capita spesso di riprendere in mano i suoi libri, di sfogliarli e di non resistere alla tentazione di rileggerli tutti dall’inizio – non sono riuscita ad aspettare neanche fino al nuovo anno per recensire “Cose che nessuno sa” dopo “Bianca come il latte, rossa come il sangue”!

Il romanzo si apre su Margherita mentre, negli ultimi giorni d’estate, fantastica sulla nuova avventura che sta per iniziare: il liceo. Margherita pensa con eccitazione a tutte le novità che la aspettano, e anche con un po’ di timore, il dolce timore che coglie gli adolescenti quando capiscono, sentendo che il loro corpo cambia, che hanno tutta la vita davanti a sé e che la possibilità di scegliere è nelle loro mani. Continua a leggere “Cose che nessuno sa – Alessandro D’Avenia”

Per il tuo bene – Rocco Carbone

Ci sono libri che lasciano aperte tante domande. Che sembrano dire: “questa era la loro storia, e invece la tua?”, costringendoti a spalancare gli occhi e a rileggere più volte le ultime righe, perché – accade spesso- si ha come la sensazione di non aver capito qualcosa. Eppure le parole di Rocco Carbone sono limpide, precise, selezionate con la cura di un linguista, quale in effetti era. Davanti alla straordinari forza che si può dimostrare in un’esperienza di dolore, di amicizia, di amore, però, molti  interrogativi restano comunque.

Bruno e Gilberto sono due uomini come tanti, che potremmo aspettarci di incontrare per strada senza notarli nemmeno. Nessuno sguardo penetrante, nessuna movenza da dongiovanni, tutto nella norma. Continua a leggere “Per il tuo bene – Rocco Carbone”

E sarà bello morire insieme – Manuela Salvi

Ho cercato “E sarà bello morire insieme” in due o tre librerie dopo aver ricevuto il consiglio di una mia cara professorressa del liceo, senza riuscire a trovarlo – eppure avevo letto su internet che è
entrato a far parte della collana Oscar Mondadori Bestellers. Fino a che il commesso di una libreria in cui stavo facendo un altro tentativo mi dice: “Devi cercare tra i libri per ragazzi”.

Credo non ci siano problemi nel definire “E sarà bello morire insieme” un romanzo di formazione, è uno di quei libri che lasciano sempre un segno negli adolescenti, un profondo ricordo come solo le letture giovanili sono in grado di fare. E proprio per questa attenzione diventa un romanzo in grado di farci appassionare, commuovere e riflettere anche se siamo un po’ più grandi. Continua a leggere “E sarà bello morire insieme – Manuela Salvi”

Bianca come il latte rossa come il sangue – Alessandro D’Avenia

Aprite una pagina qualsiasi del libro e leggetene una frase. Anche una di quelle corte corte, senza neanche un verbo, composte da solo una parola. La mia recensione di “Bianca come il latte rossa come il sangue” potrebbe finire qui, perché è in questo modo che il libro mi ha catturata: con la forza delle sue parole, parole ricche di sangue, di sogni, di bellezza.

Il libro ha al centro una storia d’amore, ma non quella tra un ragazzo e una ragazza. O meglio, c’è anche questa, ce ne sono due, ma la principale storia d’amore che è raccontata nel libro è quella per la vita. A sedici anni Leo ha un sogno, e il suo sogno è il suo amore per Beatrice, una ragazza dai capelli rossi come l’amore con la quale prima o poi troverà il coraggio di parlare. Continua a leggere “Bianca come il latte rossa come il sangue – Alessandro D’Avenia”