Cari mostri – Stefano Benni

Cari mostri.

Il titolo è già emblematico del contenuto del libro: 25 capitoli e altrettanti racconti con un unico fil rouge della mostruosità, umana e non, declinata in tutte le salse e forme. Apparentemente sembrerebbero non esserci sorprese… Il tema è lampante. Tuttavia le storie hanno un’originalità tale da rendere il genere al quale l’autore intende fare omaggio un ‘nuovo genere’, continuamente contaminato dal grottesco e dai rimandi alla realtà che, di fatto, in molti dei racconti, trasformano le vicende in aneddoti gustosi e ne diluiscono alquanto la concentrazione di mostruosità.
Riassumerlo in maniera efficace è praticamente impossibile, bisogna leggerlo. Ma per dare un’idea del godibilissimo contenuto, si può tentare di raggruppare i capitoli in categorie.
In alcuni di questi racconti, infatti, sembra quasi che l’autore dia una pacca sulla spalla alla paura e voglia prendersene gioco decontestualizzandola in modo ironico e fornendo così un risvolto liberatorio che ci fa sorridere di gusto. E’ il caso di ‘Povero Nos’ in cui uno stanco Dracula si ritrova vessato da un pedante addetto dell’ufficio tributi di Equitalia (anche Stoker avrebbe riso), di ‘Lotto 165’ in cui popolazioni aliene contrattano all’asta la vendita del nostro pianeta, di ‘Hansel@Gretel.com’ una rivisitazione 2.0 della famosa vicenda dei due fratellini o di ‘Miracolo’ in cui una statua della Madonna esprime un’emozione diversa dal pianto…
Esiste poi l’omaggio al Mistero e in particolare al re del genere per eccellenza, Edgar Allan Poe, protagonista in prima persona del capitolo ‘L’uomo dei quadri’; un tributo al noir nel racconto delle ultime ore di vita di Michael Jackson in ‘Vodoo Child’ e al genere pulp di Tarantino in ‘Polpa’.
Altri capitoli, invece, si focalizzano sulla brutalità nella sua forma più istitintiva: l’inconscia ferocia che può abitare in noi in ‘Cosa sei?’, racconto che non a caso apre il libro, o anche la malvagità gratuita e la successiva sete di vendetta presenti in ‘Compagni di banco’ e ‘La Mummia’.
Anche il linguaggio si adatta perfettamente al contenuto delle vicende e con le sue sfumature esalta le caratteristiche del variopinto mondo dei personaggi, fino a divenire addirittura mostruosamente iperbolico in ‘La strega Charlotte’, racconto in cui l’autore ci propone una carrellata di termini a dir poco agghiaccianti: raccapricciofono, orrovomitoso, trucinfame, brividoforo, solo per citarne alcuni…
Ma ho già svelato troppo! E’ bene lasciare che scopriate voi le altre storie e anche l’ultimo capitolo, ma solo se vi dimostrerete ‘dei lettori coraggiosi e disinteressati’…
E se vanno bene a me, buoni spaventorridi mostri a tutti!

img-20160825-wa0003.jpg

 

Titolo: Cari mostri
Autore: Stefano Benni
Pag: 247
Editore: Feltrinelli
Collana: Universale Economica
Lingua: italiano
ISBN: 978-88-07-88837-3

Annunci

7 commenti Aggiungi il tuo

  1. Monique ha detto:

    Mi fai venire voglia di leggerlo, lo farò! 🙂

    Liked by 2 people

    1. Natalia ha detto:

      Ciao Monique! Perdona il ritardo MOSTRUOSO :-D! Se lo leggerai, mi farà piacere sapere cosa ne pensi!
      A presto!

      Liked by 1 persona

  2. Elena ha detto:

    Concordo con Monique, l’ho già inserito nella mia Wishlist ! 🙂

    Liked by 1 persona

    1. Natalia ha detto:

      Allora questo libro apparirà misteriosamente sulla tua scrivania…! 🙂 🙂 🙂

      Liked by 1 persona

  3. EC_Shivers' ha detto:

    Ciao! Bellissimo libro!! Se ti interessano altre opere di Stefano Benni passa da noi per leggere la recensione di “Margherita Dolcevita” 🙂

    Liked by 1 persona

    1. Natalia ha detto:

      Ciao! Perdona il ritardo! Passerò sicuramente a leggere la recensione 🙂
      Grazie e a presto!

      Liked by 1 persona

      1. EC_Shivers' ha detto:

        Grazie a te! A presto!! 🙂

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...