Il bacio più breve della storia – Mathias Malzieu

il

Io e Mathias Malzieu non andiamo d’accordo. Ma com’è possibile che questo autore non vada giù proprio a me che amo i racconti surreali, onirici e irrazionali? È il linguaggio che mi disturba. Ci ho messo due libri per averne la certezza, ma ora lo so. Questo mix di poesia, ricercatezza, e gergo da strada mi crea uno scoramento da ulcera gastrica. Aggiungeteci anche che questo racconto è infarcito di troppe metafore.
Metafore su metafore, a tal punto che non si ha ancora terminato di assaporare la mescolanza tra immagine e parole che si viene immediatamente catapultati in una nuova combinazione di esse, altrettanto assurda, così da non avere il tempo di godere di quel potere immaginifico che ne scaturisce.
In più la trama è piuttosto prevedibile, ma questo non sarebbe necessariamente un male se fosse supportata da una scrittura e un impianto narrativo che sopperisse alla mancanza di originalità. Invece il capitolo nel quale l’autore ci svela chi sia in realtà la sua “donna invisibile”, la sua “sirena”, è a dir poco deludente.

Parigi, Théâtre du Renard, l’orchestra suona “It’s Now or Never”. Il nostro protagonista nota una misteriosa e sfuggevole fanciulla e fa di tutto per avvicinarla. Quando pensa di non riuscire a raggiungerla, i due si trovano visà-vis e si baciano. Un bacio brevissimo, il più breve, e lei scompare. Inizia così una ricerca spasmodica, insieme a da due bizzarri aiutanti : un detective in pensione, e un pappagallo. Il tutto corroborato dagli originali stratagemmi elaborati dal nostro melanconico protagonista inventore. Il nostro beniamino alla fine troverà la sua amata e non vi svelo oltre, nel caso non abbia del tutto ucciso la vostra voglia di leggerlo.

Malzieu ha sempre delle ottime idee, La meccanica del cuore ne è un altro esempio, ma la trasposizione di queste su carta assume una dimensione eccessivamente ridondante (linguaggio) e debole (stesusa della trama) allo stesso tempo. Come se non riuscisse ad alimentare il fuoco dell’idea iniziale e lo lasciasse morire a poco a poco. E pensare che se destrutturassimo il racconto, prendendo frase per frase, ne nascerebbero delle perle di alta poesia, annullate quasi sempre dalla riga successiva, quasi a voler deliberatamente far crollare quell’atmosfera sognante in mille pezzi.

L’amore è un’equazione poetica, amico mio! Devi cercare di risolverla qualunque cosa accada.

Titolo: Il bacio più breve della storia
Autore: Mathias Malzieu
Editore: Feltrinelli
Collana: I narratori
Lingua: Italiano
Pagine: 123
ISBN-10: 8807031302
ISBN-13: 978-8807031304

Le fotografie presenti in questo articolo sono di proprietà dell’autore del post, tranne ove specificato.
Pertanto le immagini in questo articolo sono di proprietà esclusiva dell’autore e non è possibile copiarle e riprodurle senza autorizzazione.

Parole infinite è un blog multi autore. Pertanto ciascun autore è responsabile per i propri articoli e commenti.
Sul materiale inserito dagli autori del blog non vi è controllo editoriale, e la responsabilità di quanto scritto è dell’autore stesso. Leggi il Disclaimer.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...