Pianoforte Vendesi – Andrea Vitali

Avete presente quelle vecchie cartoline consunte dal tempo che tutti abbiamo ritrovato almeno una volta tra i ricordi di famiglia, con tutte le declinazioni di colore che vanno dal giallo pallido al grigio? Quelle in cui sono rappresentati degli scorci meravigliosi di località arroccate su una collina o su un lago che non riesci bene a collocare geograficamente se non ricorrendo all’aiuto della didascalia?

Sarà l’ambientazione e la dimensione temporale, ma è la stessa sensazione che ritrovo leggendo i libri di Andrea Vitali: tutti hanno un sapore antico e nostalgico e sembrano addirittura emanare un sentore di naftalina (che ad alcuni potrebbe sembrare non proprio paradisiaco, ma che io associo alla piacevole sensazione che provavo aprendo di nascosto l’armadio di mia nonna).

In ‘Pianoforte vendesi’, che non so se definire un romanzo breve o un racconto lungo, questa caratterizzazione è decisamente più evidente e sembra quasi che in queste pagine sia sintetizzata la sua cifra stilistica, riprodotta più volte in altri libri.

La vicenda mescola tradizione e superstizione rendendo verosimile anche quello che razionalmente non è possibile che accada. A Bellano, città natale del nostro scrittore, è la notte dei Re Magi, notte di festa e di baldoria in cui tutto è concesso, sia ai vivi che ai morti. Nella cittadina si preparano alla grande ricorrenza nonostante il tempo inclemente e sperano di poter completare senza inconvenienti tutte le celebrazioni di rito. Una strana figura dall’aspetto sgraziato si addentra tra le strade, rese temporaneamente deserte da una nevicata improvvisa, e si imbatte in uno strano cartello che recita ‘pianoforte vendesi’, posizionato all’esterno di una vecchia casa. Sarà per lui, soprannominato non a caso ‘il pianista’, per il maresciallo e il brigadiere del posto, l’inizio di una notte lunga e allucinata, di quelle difficili da spiegare razionalmente e che è possibile accettare solo perché gli eventi si svolgono durante la notte dell’anno in cui le barriere tra il mondo reale e quello dell’aldilà vengono abbattute…

Non posso aggiungere altro perché qualsiasi particolare potrebbe svelare la storia. Sappiate solo che leggendo questo libro vi ritroverete come se aveste viaggiato con una macchina del tempo, catapultati nel 1966, a seguire i personaggi tra le strade di una cartolina ingiallita.

Titolo: Pianoforte Vendesi
Autore: Andrea Vitali
Editore: Garzanti
Pagine: 96
ISBN:978881168605-7

Annunci

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. Antonio ha detto:

    Interessante!
    Sembra dalla tua descrizione che si tratti di quei libri da lettura tutta d’un fiato e dalla scrittura piacevole da aneddoto, come della nonna che racconta una fiaba.
    Prometto di farci un pensiero…mi ha incuriosito.

    Un saluto

    Antonio

    Mi piace

    1. Natalia ha detto:

      Sei proprio sicuro di non aver letto questo libro 🙂 ? Va bene la mia descrizione, ma hai davvero centrato le caratteristiche chiave del racconto! Sarebbe più una fiaba da nonna alternativa per la piega ‘mystery’ che prende la storia ad un certo punto, però il senso di fondo è proprio quello: Vitali ha una straordinaria capacità di raccontare e riesce a catturarti con storie genuine e dal sapore antico.
      Buona lettura!

      Mi piace

  2. The Butcher ha detto:

    Di certo questo romanzo mi sta affascinando. E anche questo va nella mia wish-list

    Mi piace

    1. Natalia ha detto:

      Anch’io ho un elenco personale che si allunga ogni giorno più (a proposito, se hai qualche titolo lo aggiungo volentieri)! Se posso darti un consiglio, prima di questo libro metti nella tua lista un altro dei romanzi ‘canonici’ di Vitali. Potrai apprezzare il filo conduttore che li lega e notare l’impronta inconfondibile dell’autore.

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...