Momenti di trascurabile felicità – Francesco Piccolo

Starete storcendo il naso, lo so… E pensando: ‘Che noia, un altro dei libri che vogliono dirci come vivere bene’. E’ esattamente quello che mi è passato per la testa ad una prima occhiata in libreria. Nonostante l’intervento della mia parte razionale, complice la bella giornata estiva (o dovrei dire a causa di un colpo di sole!?), mi sono ritrovata comunque alla cassa con in una mano il libro e nell’altra il portafogli. A quel punto non potevo non comprarlo…
Colpi di testa a parte, a dispetto del titolo, fortunatamente questo non è un libro che ha la pretesa di insegnare o l’ambizione di fornire la ricetta miracolosa della felicità.
Tutt’altro.
L’autore, infatti, ci racconta dei numerosi momenti della sua vita non in modo mieloso e retorico ma al contrario in modo inaspettatamente schietto e a tratti decisamente caustico: la sua è una felicità che gli deriva molto spesso da dispetti o scaramucce indirizzati al prossimo e da una velata nota di sana malvagità.

Quella che ne consegue è pertanto la descrizione di una forma di soddisfazione generata dalle azioni quotidiane che punta ad un benessere personale immediato, a volte a scapito di quello altrui e delle ‘buone maniere’. E’ stato a tratti divertente perdermi tra le (poche) pagine proprio perché tutto il libro è permeato da questo senso della felicità istintivo e direi quasi animalesco, cosa che rende l’insieme leggero e non impegnativo.
Come in molti dei libri dello stesso genere, la struttura è frammentata, non è presente un filo logico e le informazioni si accumulano senza un criterio preciso se non il solo selezionare i pensieri da una sorta di calderone. In questo ho trovato una certa affinità con l’interminabile lista delle esperienze felici de ‘Il sale della vita’, un libro di cui ho già scritto, anche se per fortuna cambiano il tono e l’impostazione.
Devo dire che mi ha sempre incuriosito e affascinato chi riesce a stabilire un rapporto positivo con la vita e mi diverte vedere come la felicità, o meglio il benessere personale, possa assumere delle forme così diverse. Mi sento di salvare questo libro solo per il fatto che per certi versi non è scontato come immaginavo e per nulla forzatamente filosofico. Ma solo per questo.

ISBN 978-88-06-21139-4
Einaudi
pag. 125

Annunci

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Angiolina ha detto:

    Ho appena comprato l’ultimo libro di questo autore, si chiama “Il desiderio di essere come tutti”. Non ho mai letto niente di questo autore, che pure sento a me molto affine, per tutta una serie di motivi. Tutto questo per dirti che se il libro che mi accingo a leggere mi piacerà, ti chiederò di prestarmi questo che hai recensito tu. 🙂

    Mi piace

  2. Natalia ha detto:

    Affare fatto! Anche se come dicevo, salvo questo libro più che altro perchè ha in parte ribaltato l’idea che mi ero fatta prima di leggerlo…
    Vorrei proprio sapere quali sono i motivi per cui lo senti affine 🙂
    Cmq se dovesse piacerti l’altro, ti propongo uno scambio (il titolo mi intriga!) ok?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...