American Psycho – Bret Easton Ellis

il

Questo è un libro che non rileggerò MAI. Assolutamente mai ! Eppure non riesco a scrollarmi di dosso la sensazione che vada letto almeno una volta nella vita.

È un romanzo viscerale, inquietante, disgustoso. Racconta gli anni ’80 di Wall Street, dell’era consumista per eccellenza, dove l’apparenza è tutto, dove la gente vive lontano dalla realtà. E qui si potrebbe obiettare che non è cambiato nulla da allora. Eppure credetemi, gli anni 80 sono co-protagonisti.

Il fulcro del romanzo è però il distacco emotivo e l’incapacità di empatia raccontati nel modo più violento, razzista , sessista, misogino, omofobo, narcisista che ci possa essere. Raccontati attraverso Patrick Bateman.

Patrick è un broker di Manhattan, bello, giovane, ricco, avido, superficiale, che trascorre le sue giornate tra lavoro, palestra, locali di lusso, droga, estetista. Ma Patrick Bateman è uno psicopatico, incapace di provare senso di colpa o compassione. Mentre in superficie è l’incarnazione del perfetto uomo d’affari rampante, sicuro di sé ed affascinante, in realtà Bateman è un uomo vuoto.

L’inizio del libro è uno spaccato del mondo fatuo di Wall Street degli anni ’80. Bateman è ossessionato dalle firme, dalle marche, e praticamente in ogni descrizione c’è un elenco maniacale di tutti i prodotti che usa o acquista. Man mano che si prosegue con la lettura è chiaro che stiamo vedendo il mondo con gli occhi di Patrick, una realtà distorta e filtrata, dove fin da subito è evidente che il protagonista prova dei sentimenti solo ed esclusivamente per se stesso. Ma questi sentimenti non sono sempre positivi. Spesso sembra odiare se stesso con la stessa forza con la quale odia le sue vittime. Queste talvolta vengono scelte perché in un modo o nell’altro lo fanno sentire inadeguato, inferiore.

Se la prima parte del romanzo è un brillante atto di accusa dello stile anni ’80, è senza dubbio la seconda parte ad essere una delle letture più difficili e disturbanti che abbia mai affrontato.

Man mano che il libro prosegue, le attività notturne di Patrick diventano sempre più crudeli, sadiche, semplicemente brutali. Il monologo interiore del protagonista, totalmente privo di empatia per le sue vittime, completamente vuoto di compassione e senso di colpa è sconvolgente.  Il finale è ugualmente fastidioso perché instilla un dubbio, porta ad una prospettiva diagonale, lascia delle domande volutamente irrisolte.

Se doveste decidere di affrontare questa lettura è bene che sappiate che è davvero quanto di più inquietante si possa immaginare, brilla di una luce cruda e brutale. Non è un libro da leggere per piacere, assolutamente No. Le descrizioni dettagliate delle violenze perpetrate sulle vittime di Bateman fanno davvero rivoltare lo stomaco. Spesso, leggendolo, mi sono chiesta come un autore possa scrivere e anche solo immaginare tanta violenza, pur essendo ben consapevole che il mondo là fuori può essere terribile oltre ogni immaginazione.

Tuttavia credo che sia un lavoro importante, una sorta di romanzo seminale sugli anni ’80 e il fatto di non riuscire ad odiarlo come vorrei mi disturba alquanto, devo confessarvelo. Ma resta il fatto che non credo lo aprirò mai più.

L’edizione che ho letto è quella Inglese:

Editore: Picador
pp. 399
ISBN: 9780330484770

Due Edizioni Italiane:

Editore : Mondadori (Collana Numeri Primi)
pp: 489
ISBN: 9788866213505

Editore: Einaudi
pp: 522
ISBN: 9788806174040

Per chi è interessato, nel 2000 è uscito il film, che da quello che so è decisamente edulcorato rispetto al libro, ma che io non ho avuto il coraggio di vedere pur avendo come protagonista uno dei miei attori preferiti.
Attori principali: Christian Bale, Reese Witherspoon, Jared Leto, Willem Dafoe
Il trailer lo trovate facilmente su YouTube!

Annunci

3 commenti Aggiungi il tuo

  1. Angiolina ha detto:

    Ti piace Christian Bale?!?!?!??! Non lo sapevo… 🙂

    Mi piace

    1. Elena ha detto:

      e vabbè dai…. ho scritto tutto questo solo per farti rispondere una riga su CB ??A parte gli scherzi, qui non c’entra proprio nulla Christian Bale!
      Anche se la copertina è come dire…. notevole ! 😛

      Mi piace

  2. Angiolina ha detto:

    CB era l’unica cosa su cui potevo soffermarmi, perchè lo sai che io con questo genere…non ci faccio. Quindi non leggerò il libro, e quasi sicuramente non guarderei il film, nonostante CB che è bravissimo, lo sappiamo. 🙂

    Comunque la recensione è notevole. 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...