Ci vogliono le palle per essere una donna – Caitlin Moran

Devo ammetterlo: il titolo ammiccante lascia a desiderare, soprattutto se si considera che lo scopo del libro è in qualche modo modernizzare il femminismo e che proprio le femministe storiche si sono battute a lungo per eliminare quest’espressione dal loro vocabolario e dal vocabolario in generale: avere le palle, per antonomasia, significa essere un uomo, e le donne, le donne femministe, non vogliono essere uomini, ma “semplicemente” donne. Infatti il titolo originale è “How to be a woman”,e pare che la stessa autrice abbia sorriso quando ha scoperto la traduzione del titolo in italiano: “Ci vogliono le palle per essere una donna”. Ha pensato di essere stata fraintesa, ma di fatto non è così. Forse io avrei scelto un titolo diverso. Ma bisogna ammettere che per come è stato poco pubblicizzato questo testo un modo per attirare l’attenzione dovevano trovarlo. Sarà questo il motivo per cui editor e correttori di bozze e traduttori della Sperling e Kupfer lavorano alla Sperling e Kupfer e io invece no. Mah. In Italia ci hanno letteralmente bombardato con le 50 sfumature di qualsiasi colore e ancora una volta vediamo come siamo un paese indegno: 50 sfumature di topa e non una parola su un libro come questo della Moran che meriterebbe una più ben considerevole attenzione!

Un libro che tutte le donne dovrebbero leggere, almeno quello che amano non prendersi troppo sul serio e che allo stesso tempo pensano che essere donne sia una cosa serissima. Questa scrittrice inglese, famosa per essere una columnist del Times da quando aveva diciotto anni e seguitissima su twitter (ha più di 160.000 followers)ci parla della donne, ci invita ad andare controcorrente, a non piegarci ai dettami della moda del momento, o quantomeno a non farlo acriticamente. Il tutto scandito da sferzate di ironia, auto-ironia e sarcasmo. Un libro che parla di sesso, depilazione, problemi di sovrappeso, amore, matrimonio, figli e tanto altro. La chiave: un femminismo nuovo, trasgressivo e moderno, con uno stile sagace e uno smalto e un’intelligenza decisamente fuori dal comune.

A tredici anni, Caitlin Moran è una ragazzina cicciottella, senza amici, perennemente presa in giro dai maschi. E il giorno del suo compleanno, tra una torta/baguette con il Philadelphia e una “lista delle cose da fare prima dei diciotto anni”, ecco che la assale il dubbio da un milione di sterline: ma come si fa a diventare una donna? Oltre vent’anni dopo, ripercorrendo le esperienze che l’hanno aiutata a crescere, Caitlin prova a rispondere a quell’interrogativo. Partendo da un dato di fatto: non c’è mai stato un momento migliore nella storia per essere una donna. C’è il diritto di voto, la pillola anticoncezionale, e bruciare le streghe sul rogo è ormai decisamente poco glamour. Ma allora: abbiamo ancora bisogno del femminismo, oggi? Sì, se il femminismo non è quello delle accademie e dei talk-show in seconda serata. Sì, se il femminismo si occupa non solo di cose (importanti, per carità) come la disparità di retribuzione, la circoncisione femminile nel Terzo Mondo, la violenza domestica, ma anche di questioni più banali e quotidiane come la masturbazione, la depilazione, le micro-mutandine, l’irresistibile attrazione per il cioccolato, le borsette da mille euro e le tette rifatte. Sì, perché ogni donna non può che essere femminista, e perché il femminismo secondo Caitlin è decisamente divertente. Come questo libro.

Editore Sperling & Kupfer
Pubblicato  05/03/2012
Pagine  312
ISBN-13 9788820051952

Annunci

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Moky ha detto:

    Mi sa che devo leggerlo…mi incuriosisce la recensione che hai fatto. Segnato in agenda, grazie!!!

    Mi piace

  2. Angiolina ha detto:

    Moky l’hai preso poi?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...