La Verità del Serpente – Gianni Farinetti

il

Ma quanto e’ bravo Farinetti a descrivere le atmosfere, i luoghi, le emozioni. Ti porta nella Venezia settembrina del festival del cinema e ti ritrovi a camminare nelle calli, a guardare lo scorrere delle nuvole come se ti trovassi proprio li’. E ritrovi i personaggi dei suoi romanzi che, come in un fil rouge, passano da un libro al successivo. In questo c’è Sebastiano Guarienti, già incontrato nel primo libro di Farinetti che ho letto – Un delitto fatto in casa – e che consiglio vivamente.

Ne La verità del serpente si ha spesso l’impressione di essere in un film di Ferzan Ozpetek dove i protagonisti fanno pero’ parte di quella umanità un po’ patinata e un po’ fané di cui si occupa spesso l’autore. Anche la tragedia che si abbatte all’improvviso non e’ la protagonista del romanzo, ma quasi un episodio evocato dalla natura misteriosa della città.

La trama di un romanzo giallo -anche se di uno anomalo come questo- deve essere necessariamente scarna. In una grande villa al Lido di Venezia vengono ospitate, dalla giovane padrona di casa,    diverse persone giunte in città nel periodo del Festival. Gli ospiti non si conoscono tra di loro e i motivi che li hanno spinti a questo viaggio sono diversi e a volte oscuri. Uno di loro sarà vittima di un tragico evento. Ma le cose – specialmente a Venezia- non sono semplici come appaiono.

Casa editrice: Marsilio
pp. 304
isbn: 978-88-317-1001-5
sito: http://www.marsilioeditori.it/component/marsilio/autore/294-gianni-farinetti

Annunci

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. Elena ha detto:

    Devo dire che mi hai davvero incuriosita. Ammetto di non conoscere affatto questo autore, ma mi riprometto di leggere qualcosa di suo.

    Mi piace

  2. Tiziana ha detto:

    Allora permettimi di scegliere per te: un delitto fatto in casa. Un romanzo scritto da un autore piemontese ed ambientato per lo più in provincia di Cuneo. Ti ho convinto? E se aggiungo che troverai una saga familiare, divertimento ed anche mistero. Non manca proprio niente, non ti pare?

    Mi piace

    1. Elena ha detto:

      Mi hai convinta 🙂 !

      Mi piace

  3. Natalia ha detto:

    Descrizione davvero accattivante! Anche quella ‘condensata’ di Un delitto fatto in casa. Mi vedo costretta a mettere nella mia lista entrambi i titoli…!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...